Regione

Riduzione dei rifiuti: 7 milioni per le Province

Non solo risorse per la differenziata e l’impiantistica (150 mln da ripartire a Comuni e Provincia) ma anche fondi per promuovere la riduzione a monte dei rifiuti, lungo la filiera che va dal prosutore al consumatore. L’Assessorato all’Ambiente della Regione Campania stanzia a quest’ultimo scopo 7 milioni di euro. Le risorse sono assegnate da Palazzo Santa Lucia con un apposito decreto, alle 5 Province della Campania. Gi enti dovranno provvedere ad emanare appositi bandi diretti ai Comuni in base alla popolazione residente per incidere, con incentivi ad hoc, sulla misura. Delle risorse disponibili 3 milioni e 50 mila euro vanno alla Provincia di Napoli, 1 milione 593 mila a quella di Salerno, 1 milione 316 mila euro a quella di Caserta, 630 mila euro alla Provincia di Avellino e 413 mila euro a quella sannita. “Si tratta di un primo stanziamento in attesa del Piano di minimizzazione dei rifiuti – avverte l’assessore Giovanni Romano – la cui procedura è stata avviata la scorsa settimana. Le risorse assegnate consentiranno di adottare e incentivare metodologie e strumenti atti a ridurre la produzione di rifiuti, attraverso l’uso di materiali riutilizzabili, l’impiego di materiali e prodotti derivanti da riciclo, l’utilizzo di contenitori di toner e di inchiostro negli uffici, lo sviluppo degli “acquisti verdi, l’attivazione di <case dell'acqua, l'utilizzo di penne e batterie ricaricabili, oltre che l'incentivazione della pratica di compostaggio domestico degli scarti alimentari e di giardinaggio e la divulgazione di campagne di educazione ambientale finalizzate alla riduzione dei rifiuti, con particolare riferimento agli imballaggi ingombranti e non riutilizzabili.
Ma. To.

Giornale numero: 2 - Pagina: 11