Provincia di Napoli

Edilizia scolastica, stanziati 25 mln
Pomigliano e Volla: presto la cittadella

Approvati progetti per l’edilizia scolastica già finanziati con gli stanziamenti dell’avanzo di amministrazione. L’importo complessivo degli investimenti decisi dalla giunta provinciale, presieduta da Luigi Cesaro, su proposta dell’assessore, Marco Di Stefano, ammontano a circa 25 milioni di euro. “Di particolare rilievo, si legge in una nota, sono i finanziamenti approvati per la costruzione di una nuova cittadella scolastica a Pomigliano D’Arco (22 mln euro), la realizzazione di un nuovo plesso di ampliamento da destinarsi a Liceo Scientifico nel Comune di Volla (1,800 mln euro), la ristrutturazione dell’Ipsar Rossini di Napoli, gli interventi di manutenzione straordinaria al Liceo scientifico Silvestri di Portici (0,6 mln euro) nonché il protocollo d’intesa con il Comune di Striano per l’acquisizione in comodato d’uso dell’immobile destinato alla sede dell’Ipsar De Medici. In particolare, la nuova cittadella scolastica di Pomigliano, che sarà completata in 36 mesi dall’affidamento dei lavori, prevede l’accorpamento dell’Istituto professionale Europa e del Liceo Cantone nella nuova struttura con la dismissione degli attuali fitti passivi e la complessiva realizzazione di 102 aule normali e 20 speciali, 1 palestra coperta con 1 campo da basket e 2 da pallavolo, 2 sale ginniche. Inoltre, la struttura sarà dotata di 1 palestra scoperta con 1 campo da basket, 1 da pallavolo e 1 tribuna per gli spettatori, 1 auditorium, 2 biblioteche, un’area esterna destinata a parcheggi di circa 300 mq, con 116 posti auto, 78 per motoveicoli ed area a verde per 7000 mq, per una superficie complessiva del lotto di 27.000 mq. Per quanto concerne Volla, il nuovo edificio scolastico che sarà realizzato in 30 mesi anche grazie alla messa a disposizione gratuita del terreno da parte dell’amministrazione comunale, sarà dotato di 15 aule, laboratori e uffici. “Un cambio di rotta sul fronte dell’edilizia scolastica era e rimane una delle priorità dell’amministrazione provinciale nonostante i numerosi tagli di cui siamo stati oggetto”, ha affermato il presidente Luigi Cesaro al termine della riunione dell’esecutivo di palazzo Matteotti che ha poi aggiunto: “Con i 25 milioni deliberati oggi dalla giunta daremo vita ad importanti insediamenti sul territorio ed, in particolare, a Pomigliano, per la costruzione di una vasta e complessa cittadella scolastica, ed a Volla, che finalmente avrà un nuovo liceo scientifico. A questi, si vanno ad aggiungere importanti ristrutturazioni di scuole a Pozzuoli e Portici”. “Il lavoro da fare è ancora tanto perché la situazione dell’edilizia scolastica in provincia offriva un panorama effettivamente deleterio, sia sotto il profilo della qualità che sotto quello della quantità degli edifici di proprietà pubblica. Su questo fronte da tempo la mia giunta sta lavorando con assoluto impegno – ha sottolineato – Stiamo drasticamente riducendo i locali soggetti a canoni di locazione, con provvedimenti di acquisizione e di razionalizzazione”. “Tra l’altro – ha concluso Cesaro – stiamo anche cercando di ottenere da queste operazioni un doppio beneficio, permutando edifici che dovevamo dismettere dal nostro patrimonio con strutture idonee per l’edilizia scolastica”.
Molto soddisfatto l’assessore Marco Di Stefano che ha sottolineato come “i provvedimenti approvati oggi rappresentino la continuità della strategia che la giunta Cesaro sta portando avanti nel campo dell’edilizia scolastica e già anticipata nelle riunioni tenutesi per la definizione del protocollo d’intesa sottoscritto lo scorso anno con le associazioni di categoria e gli Ordini professionali per rendere il mercato più trasparente e garantire l’effettiva esecuzione dei lavori, affidando le gare a soggetti strutturati in grado di rispettare le procedure e la sicurezza nei luoghi di lavoro”. “Inoltre – ha aggiunto Di Stefano – con la costruzione della nuova cittadella di Pomigliano sarà possibile dismettere ben 5 contratti di locazione con un risparmio per l’amministrazione di 910,00 euro annui, pari al 6% della spesa complessiva della Provincia di Napoli per gli edifici scolastici, in piena sintonia con quanto disposto nella delibera di indirizzo dell’agosto 2011 sulla progressiva riduzione dei fitti passivi”