Ingegneria gestionale

Responsabile dei lavori: focus su ruolo e funzioni

Il D.Lgs. 81/2008 (con successive modifiche ed integrazioni) costituisce il Testo Unico della Salute e Sicurezza sul Lavoro. In generale, il committente è sempre responsabile della sicurezza dei luoghi di lavoro: gli spetta, infatti, l’onere di attivare tutte le azioni specificamente richieste dalla legge; in particolare, l’articolo 90, comma 1, impone che il committente si attenga “ai principi generali ed alle misure di tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori”. Nello specifico, questa assunzione di responsabilità si realizza:
a) al momento delle scelte architettoniche, tecniche ed organizzative;
b) all’atto della previsione della durata di realizzazione dei vari lavori o fasi di lavoro.
Dunque, il committente è chiamato in causa fin dalla fase progettuale dove, evidentemente, deve portare il suo contributo alla definizione di idonee condizioni di sicurezza lavorativa.
Inoltre, il comma 2 del medesimo articolo 90, prevede che il committente nella fase della progettazione dell’opera, prenda in considerazione i documenti relativi al Piano di Sicurezza di Cantiere ed al fascicolo adattato alle caratteristiche dell’opera (contenente le informazioni utili ai fini della prevenzione e della protezione dai rischi cui sono esposti i lavoratori). La redazione dei suddetti documenti spetta al coordinatore per la progettazione, ma l’obbligo di presa in considerazione degli stessi trasferisce in capo al committente una qualche responsabilità rispetto ai contenuti ed alla loro applicazione.
Ma se il committente non è un tecnico come può pensare di controllare (ed eventualmente evidenziare) leggerezze, omissioni ed errori in tema di sicurezza? Verosimilmente, la norma è stata scritta per privilegiare, in fase di selezione, tecnici ed imprese che offrono maggiori garanzie in termini di competenze.
In ogni caso, esiste una via di uscita: il committente può farsi sostituire da un “responsabile dei lavori”. Secondo l’articolo 89, comma 1, lettera c) del Testo Unico della Salute e Sicurezza sul Lavoro, il responsabile dei lavori è un soggetto che può essere nominato dal committente per svolgere i compiti ad esso attribuiti dal presento decreto (ovvero ai fini della sicurezza).
Il ruolo di responsabile dei lavori rappresenta un’ulteriore opportunità per tecnici, in particolare per gli ingegneri gestionali; questi ultimi, infatti, per propria forma mentis ben si prestano ad affiancare e/o sostituire il committente nell’azione di coordinamento e supervisione di tutti i soggetti coinvolti nella realizzazione di un’opera (anche andando oltre i precipui aspetti di sicurezza).

*Membro COMIG Commissione Ingegneria Gestionale

Claudio Laterza*


Giornale numero: 96 - Pagina: 15