La vera storia dei Borboni: dall’ascesa alla sconfitta

L’inaugurazione della pioneristica Napoli-Portici, la prima linea ferroviaria italiana; la costruzione a Caserta della “Versailles italiana” e a Napoli del teatro San Carlo, tempio della musica di Rossini; l’istruzione della prima cattedra universitaria di economia e commercio; le opere di pensatore illuministi come Antonio Genovesi e Gaetano Filangieri; la meraviglia delle nuove scoperte negli scavi di Ercolano e Pompei. Sono solo alcuni aspetti del fervore economico e culturale che anima il Sud mentre al potere s’alternano cinque generazioni di Borboni, re di Napoli e di Sicilia. Sovrani cancellati dalla memoria insieme a un regno che è stato grande e subito dimenticato: una “storia negata” dal Risorgimento, la cui storiografia ufficiale ha descritto il Mezzogiorno prima dell’unità come il regno dell’ignoranza, della paralisi economica, del parassitismo. Ma è stato davvero così? O non si tratta invece di un’immagine mistificata, costruita per celebrare la nascente epopea unitaira? Attraverso una ricostruzione puntuale e a tratti sorprendente, Gianni Oliva risponde a queste domande ripercorrendo un’esperienza politica che inizia nel 1734, quando Carlo di Borbone diviene re di Napoli e di Sicilia, e prosegue sino al 1861, quando il re è costretto ad abbandonare Gaeta

Giornale numero: 127 - Pagina: 3