Campania della conoscenza

E’ napoletano il portale per i prodotti social

Nasce launchpad.com il sito che riduce la distanza tra inventori e consumatori
e’ il web a scegliere quale idea passa dalla fase progettuale a quella di vendita

“Never against comsumer”, mai contro il consumatore. Intuire, pungolare e assecondare le volubili esigenze del mercato è da sempre la regola aurea del capitalismo, una regola che il web 2.0 non ha mancato di aggiornare.
Sineddoche sempre più fedele dei miliardi di consumatori sparsi per il globo, la rete è senz’altro il miglior laboratorio per testare il successo di qualsiasi tipo di prodotto.
E come mostrano i sempre più frequenti esempi di “social product development”, è anche il miglior laboratorio per farsi direttamente suggerire, con dovizia di particolari, i prodotti del futuro.
In America è già una realtà, dalle nostri parti siamo ancora alle prime armi e tra i pionieri di questo nuovo trend del social marketing ci sono quattro ragazzi napoletani, Luigi Junior Fabozzi, Giuseppe Grande, Antonio Di Carlo e Mario Andrea Chiapparino.
Hanno messo a punto Launchpad.com, presentato per la prima volta alla Camera di commercio partenopea in occasione della competizione tra business plan per l’imprenditoria digitale riservata a freschi laureati in Ingegneria gestionale della Federico II, un portale che promette di essere “l’anello di collegamento – spiega Luigi – tra gli inventori e i consumatori finali di beni finalizzati ad offrire soluzioni a piccoli problemi di ordine quotidiano mediante un processo di ideazione e sviluppo basato sul social product development”.
Il social product development consiste nel progettare un nuovo prodotto sfruttando idee innovative e competenze fornite da una comunità on-line. Launch-pad, sul mercato a partire dal 2013, sarà uno dei primi esperimenti italiani di questo nuovo modo di interpretare il mercato.
“Tutti i potenziali ideatori – continua il giovane ingegnere – inseriscono settimanalmente le proprie idee sulla piattaforma web dedicata grazie ad un contributo simbolico di 5 euro, rispondendo a due semplici domande, ovvero quale problema si vuole risolvere e come risolverlo, allegando eventualmente uno schizzo del prodotto da ideare.
Delle migliori cinque idee selezionate da questo calderone e valutate dalla community, solo una passa alla fase di sviluppo”.
A questo punto la community lavora a stretto contatto con gli sviluppatori proponendo soluzioni tecniche, contribuendo alla definizione del design fino alla scelta del nome del prodotto.
Prima di passare alla realizzazione vera e propria, il prodotto deve però superare una fase che viene definita “soglia”.
“In questa fase – precisa Giuseppe – è necessario che un numero minimo di unità di prodotto debbano essere prenotate prima di poter andare effettivamente in produzione. Passata questa fase il prodotto sarà disponibile in pochi giorni”.
Molto precisa anche la tipologia di prodotti che dovranno essere sviluppati su launchpad.com. “
Ci occuperemo di oggettistica, articoli per la casa e per l’ufficio, in ogni caso di beni che non dovranno superare i 150 euro di prezzo finale. I prodotti verranno collocati sul mercato principalmente attraverso la piattaforma web, punto centrale di snodo sia per le vendite al dettaglio che per le vendite all’ingrosso”.
I numero del mercato di riferimento danno conforto al progetto.
L’e-commerce in Europa continua a registrare performance migliori rispetto ai dati complessivi del retail in termini di crescita.
Nel 2011 il 40 per cento dei cittadini dell’area Ue ha effettuato acquisti on-line, a fronte del 37 per cento nel 2010 e del 32 per cento nel 2009.
A questi, quasi il 10 per cento acquista su un sito estero e si prevede che entro il 2015 oltre 200 milioni di europei acquisteranno online.
Anche in Italia sono evidenti i segnali di crescita, mentre attualmente il fatturato dell’e-commerce raggiunge complessivamente i 19 miliardi di euro e, crisi permettendo, promotte di crescere ancora.
In ogni modo, crisi o non crisi, i quattro ingegenri napoletani sono convinti delle proprie forze.
“Allo stato attuale delle cose – dice Luigi – la strategia migliore per avere successo nel campo del digitale si concretizza sostanzialmente nella differenziazione: puntare sull’unicità del prodotto e sulla peculiarità del marchio sono i punti chiave per ottenere una buona risonanza alle sollecitazioni promozionali. Noi facciamo leva proprio su questo, garantendo un eccellente rapporto qualità-prezzo, l’unicità delle soluzioni proposte, bassi costi di gestione delle diverse aree funzionali e semplicità ed economicità di realizzazione”.


Il team di ingegneri che inventa un nuovo modello di merito

Luigi Junior Fabozzi si laurea con lode in Ingegneria Gestionale della logistica e della produzione presso l’Università degli studi di Napoli “Federico II”. Pregressa esperienza in attività commerciali nell’ambito e-commerce (Fantastik.it) con mansioni di gestione rapporti con clienti e fornitori oltre ad un’esperienza nella Ricerca & Sviluppo e Controllo di gestione presso una grande azienda ospedaliera partenopea.
Giuseppe Grande consegue la laurea in Ingegneria gestionale della logistica e della produzione presso l’università degli studi di Napoli Federico II con una tesi sulla realizzazione di un Project Financing in collaborazione con il Comune di Caivano. E’ da un anno responsabile dell’ufficio acquisti presso la Net Electronic Smt (Nes).
Antonio Di Carlo si laurea in Ingegneria Gestionale della logistica e della produzione con una tesi sul gioco d’azzardo. Ha collaborato al lancio del sito di e-commerce www.topshops.it.
Mario Fabio Andrea Chiapparino: laureato in Ingegneria gestionale della logistica e della produzione presso l’università degli studi di Napoli “Federico II” ha portato a termine diverse pubblicazioni e progettato diversi materiali informativi sull’attività del Comune di Napoli.
Esperto utilizzatore di software per la realizzazione di documentazione contabile interna ed esterna inerente alla realizzazione di business plan.

123 – segue
c.fuschetto@denaro.it

Cristian Fuschetto


Giornale numero: 157 - Pagina: 11